Come funzione il nostro virucida?

Quando parliamo di sanificazione a vapore, diciamo sempre che le nostre macchine agiscono in abbinamento a un potente virucida: un liquido (nel nostro caso un Presidio Medico Chirurgico, composto di Acido Peracetico e Perossido di Idrogeno, indicato anche dalla FDA come presidio di primo intervento in caso di contaminazione da COVID-19) in grado di interrompere la catena riproduttiva di un virus, agendo attraverso il principio dell’ossidazione. Detto in altri termini il virucida, abbinato al getto di vapore micronizzato origina una nebbia secca capace di depositarsi, senza creare umidità, su tutte le superfici di un determinato ambiente inattivando il virus.
Spesso, in questi mesi in cui siamo stati travolti dalla pandemia, abbiamo letto informazioni sbagliate, o comunque non corrette rispetto all’azione propria dei virucidi e del modo più adeguato per diffonderli.
Ciò che un virucida può fare, e solo se opportunamente usato in abbinamento a un vaporizzatore come quelli della nostra linea Black Hawk (che infatti rappresenta il solo caso di riconoscimento come Dispositivo Medico da parte del Ministero della Salute) è agire sulla catena di riproduzione del virus, ossidandolo e facendo in modo che non si replichi più. L’efficacia del virucida che usiamo per le nostre macchine, è stata già riconosciuta con i virus Ebola e Sars (al cui ceppo viene ricondotto anche il COVID-19). In pochissimi minuti, insomma, il nostro virucida, che è completamente atossico e quindi innocuo per la salute, entra in azione sanificando l’ambiente in cui viene vaporizzato.
Per tutte le informazioni sui nostri prodotti: [email protected] Tel: +39 041 449 949